Dislipidemia

CHE COS'È

Il termine dislipidemia identifica un livello elevato di lipidi (colesterolo, trigliceridi o entrambi) trasportati nel sangue dalle lipoproteine.

Questa situazione comprende l’iper-lipoproteinemia (iperlipidemia) cioè livelli estremamente elevati di colesterolo totale a bassa densitá (LDL), ossia colesterolo “cattivo”, e livelli estremamente bassi di colesterolo ad alta densitá (HDL), ossia colesterolo “buono”.

CAUSE

Tale condizione è data dallo stile di vita del soggetto (esempio, regime alimentare troppo ricco di grassi e proteine animali), dalla genetica (l'ipercolesterolemia poligenica, l'ipercolesterolemia familiare e l'ipertrigliceridemia familiare), dalla presenza di alcune patologie (diabete mellito, obesitá , ipotiroidismo, malattie renali ed epatiche), dall’assunzione di alcuni farmaci o dalla combinazione di alcuni di questi fattori.

I livelli delle lipoproteine e, pertanto, dei lipidi, soprattutto del colesterolo LDL, aumentano lievemente con l’etá. Generalmente, gli uomini presentano livelli leggermente più elevati rispetto alle donne, ma in queste l’aumento di tali livelli si manifesta dopo la menopausa. Ne puó derivare aterosclerosi, con conseguente angina, infarti, ictus e malattie delle arterie periferiche.

TRATTAMENTO

Possono essere efficaci l’attivitá fisica, una corretta alimentazione e terapia farmacologica.

In particolare, l’assunzione di acidi grassi omega-3 LCPUFA ha mostrato effetti cardioprotettivi. I risultati sulla salute cardiovascolare attribuiti a LCPUFA-3, sarebbero le conseguenze dei seguenti meccanismi:

  • - diminuzione dei livelli plasmatici di colesterolo, inibendo la biosintesi di lipoproteine a bassissima densitá (VLDL) e TG nel fegato, senza alterare la biosintesi delle lipoproteine ad alta densitá (HDL);
  • - diminuzione della pressione sanguigna data dalla riduzione dell'aggregazione piastrinica e dalla riduzione dell’infiammazione;
  • - diminuzione dell'incidenza di aritmie.

Quindi, EPA e DHA possono agire sia direttamente che indirettamente, sotto forma di altri composti biologicamente attivi, riducendo la frequenza e prevenendo alcune pericolose irregolaritá del ritmo cardiaco, controllando i livelli di trigliceridi nel sangue e regolando i processi che portano alla trombosi e all’infiammazione.

SOLUZIONI FOODAR

I prodotti FOODAR della linea Richoil™ costituiscono un valido aiuto per ridurre i livelli di trigliceridi nel sangue e per regolare i processi infiammatori.